Dott. Rinaldo Pellicano Dott. Franco Palmas Torna all'Home Page
  23/06/2004  


  Torna a GastroNet  
TERAPIA Terapia
  EPIDEMIOLOGIA | MICROBIOLOGIA | DIAGNOSI | ASPETTI CLINICI | TERAPIA | TEST


 » Premesse

 » Principi di farmacologia

 » La triplice terapia:
   da Maastricht a
   Maastricht-2

 » Indicazioni
   all’eradicazione


 » La resistenza agli
   antibiotici: aspetti
   biologici e clinici


 

Il grande progresso nella cura dell'infezione da H.pylori è avvenuto con l'introduzione della "triplice terapia", come si definisce quella che comprende l'associazione di due antibiotici ad un farmaco della classe dei PPI.

Ciò ha consentito di raggiungere percentuali di eradicazione comprese tra il 70 e il 95% in relazione alle dosi, ai tempi di somministrazione e alle caratteristiche (soprattutto di resistenza) delle popolazioni studiate.

Nel 1997, nel corso della Consensus Conference di Maastricht, scaturì la formulazione dello schema indicato dal Gruppo di Studio Europeo dell'Helicobacter pylori (che raggruppa i maggiori esperti d'Europa e non) nel quale si raccomandò l'associazione per 7 giorni di una dose standard di PPI, somministrato due volte al giorno (b.i.d.) e una tra le seguenti combinazioni (Tabella II):

Tabella II: Linee-guida europee di Maastricht per eradicare l'infezione da Helicobacter pylori

SCHEMA PPI +
AMOXICILLINA +
METRONIDAZOLO
PPI +
CLARITROMICINA +
METRO/TINIDAZOLO
PPI +
CLARITROMICINA +
AMOXICILLINA
DOSE standard b.i.d. + standard b.i.d. + standard b.i.d. +
  500 mg t.i.d. + 250 mg b.i.d. + 500 mg b.i.d. +
  400 mg t.i.d. 400 /500 mg b.i.d. 1000 mg b.i.d.
DURATA 1 settimana 1 settimana 1 settimana
PPI: inibitore della pompa protonicab.i.d. = 2 volte/die t.i.d. =3 volte/die
  • amoxicillina 500 mg, tre volte al giorno, più metronidazolo 400 mg, tre volte al giorno (preferibile quando è probabile la resistenza alla claritromicina).

  • amoxicillina 1000 mg, b.i.d., più claritromicina, 500 mg, b.i.d. (preferibile quando è probabile la resistenza al metronidazolo)

  • metronidazolo 400 mg, b.i.d., o tinidazolo 500 mg, b.i.d., più claritromicina 250 mg, b.i.d. Nel 2000, lo stesso Gruppo di Studio ha riformulato le precedenti Linee-Guida, con nuove raccomandazioni (Maastricht 2-2000 Consensus Report).

E' attualmente indicata l'associazione, per un periodo di 7 giorni, di uno degli schemi sotto riportati (Tabella III).

SCHEMA PPI +
CLARITROMICINA +
AMOXICILLINA (o METRONIDAZOLO)
PPI +
BISMUTO SUBCITRATO +
METRONIDAZOLO +
TETRACICLINA
DOSE standard b.i.d. + standard b.i.d. +
  500 mg b.i.d.+ 120 mg q.i.d. +
  1000 mg b.i.d. (o 500 mg b.i.d.) 500 mg t.i.d.+
    500 mg q.i.d.
DURATA 1 settimana 1 settimana
PPI: inibitore della pompa protonicab.i.d. = 2 volte/die t.i.d. =3 volte/die q.i.d.= 4 volte al giorno
  • Prima linea
    dose standard di PPI, b.i.d., più claritromicina 500 mg, b.i.d., più amoxicillina 1000 mg, b.i.d., o metronidazolo 500 mg, b.i.d. (é preferibile l'associazione tra claritromicina e amoxicillina al posto di quella tra claritromicina e metronidazolo, perché quest'ultimo può favorire migliori risultati in seconda linea nel caso di primo fallimento).

  • Seconda linea
    dose standard di PPI, b.i.d., più bismuto subcitrato 120 mg, quattro volte al giorno più metronidazolo 500 mg, tre volte al giorno più tetraciclina 500 mg, quattro volte al giorno.
    Eventuali ulteriori trattamenti devono essere valutati caso per caso.


Fai il test Fai il test   Bibliografia Bibliografia  
Torna su



copyright © 2004 - 2014 QBGROUP spa